CAMINIA - Staletti'

Stupenda baia adagiata su di un lembo di costa ionica Calabrese chiamato “ Costa dei Saraceni “ conosciuta ovunque per la sua particolare bellezza, spiaggia bianca e brillante circondata dalla scogliera che si tuffa prorompente in un mare verde smeraldo. 

SOVERATO

La cittadina (Bandiera Blu 2017-2018-2019-2020), conosciuta come "La Perla dello Ionio", è tra le mete turistiche più note del Golfo di Squillace. La baia di Soverato è stata dichiarata Parco Marino, per la presenza di colonie di Hippocampus, incredibili cavallucci marini che vivono solo in ambienti incontaminati, e divenuti ormai rarissimi nel Mediterraneo. La bianca spiaggia diventa uno splendido fondale tra le acque cristalline, alle spalle il Lungomare con i suoi stabilimenti e locali che rendono sempre piacevole il soggiorno a Soverato, sia di giorno che di notte.

SANT'ANDREA APOSTOLO DELLO IONIO

Selvaggia ed incontaminata, in questo tratto di spiaggia preservato dall’uomo e baciato dalla natura rigogliosa, è difficile non essere incantati dalla presenza di una lunga spiaggia bianchissima che dolcemente fa spazio ad un mare cristallino. Di grande interesse naturalistico, questo tratto di Costa Ionica è prediletto dalle tartarughe marine  “Caretta Caretta” per deporre le uova, non è difficile infatti nei periodi di giugno e luglio, incontrare in mare o sulla spiaggia questi splendidi esemplari.

LE CASTELLA - Crotone

Le Castella: tra le più note della riviera crotonese, si trova nella frazione di Capo Rizzuto e si affaccia sul Mare Ionio su una terrazza a circa 40 metri di altezza. La spiaggia è composta da tratti di sabbia fine e chiara alternati a tratti di scogliera grigia. Sono Tante le attività organizzate, sport acquatici, immersioni ed escursioni in barca che si possono intraprendere.

SANTA CATERINA DELLO IONIO

Il verde smeraldo e il blu contrastano con le larghissime e bianche spiagge, frequentate dai gabbiani abituati ormai a vivere questo posto in assoluto equilibrio ecologico. Suggestivo il relitto “Capitan Antonio” adagiatosi sul fondale nei primi anni novanta e costituisce oggi splendido ecosistema per diverse specie marine che si possono ammirare durante le immersioni che si organizzano sul posto.